Author Archives: wgp3000

  • 0

LePrimizieDelSalento.it

Category : Portfolio

Sito vetrina per la presentazione del”attività aziendale di un’impresa locale di Sava che produce e vende prodotti tipici salentini.


  • 0

MiriadeSMS.it

Video promozionale per attività di sms marketing


  • 0

AdyanDWorld.com

Sito di vendita per documentari prodotti da un regista Brindisino


  • 0

FabioGaudino.it

Landing Page realizzata per una campagna pubblicitaria di naming per un Avvocato Romano.


  • 0

StudioLegaleDurano.it

Sito vetrina più Blog per uno studio Legale di Brindisi.

Oltre alle normali pagine di presentazione dell’attività il cliente richiede la realizzazione di una sezione “Osservatorio” in cui è possibile scaricare documenti in formato PDF suddivisi in categorie


  • 0

IngMarioMarchetti.it

Sito vetrina per un noto Studio Ingegneristico a Francavilla Fontana (BR)

“Read More”

  • 0

Come gestire le recensioni negative e vivere felici

Category : Blog

Le recensioni sono uno strumento che i social e i marketplace danno agli utenti per aiutare i futuri acquirenti nel prendere le decisioni nella fase iniziale del loro processo d’acquisto.

Per un’azienda oggi è fondamentale convivere con questo strumento che da al cliente il coltello dalla parte del manico e di cui spesso abusa. Infatti un utente che non si trova bene lascerà una recensione negativa con il 144% delle probabilità in più rispetto ad uno che si trova bene.

5 segreti per gestire le recensioni negative e vivere felici.

  1. Innanzi tutti mai inibire la possibilità di recensire, le recensioni oltre ad essere uno strumento per l’utente sono anche un ottimo modo per misurarsi e valutare il proprio lavoro.
  2. Rispondi pubblicamente sempre a tutti e nel minor tempo possibile, non devi dare necessariamente ragione al cliente ma devi sempre dar seguito alla sua richiesta.
  3. Cerca di sfruttare la recensione per mettere in evidenza un valore positivo della tua azienda… questa è meno intuitiva quindi vi faccio un esempio: se un utente si lamenta perchè ha trovato chiuso il vostro ristorante il lunedì sera, gli puoi rispondere dicendo che per offrire un servizio sempre cordiale e di qualità i tuoi dipendenti hanno bisogno di riposare e magari indichi anche quali sono i tuoi orari di apertura
  4. Usa sempre lo stesso tono, se usi un linguaggio formale o ironico piuttosto che amichevole mantieni lo stesso tono anche quando rispondi alle recensioni per evitare che l’utente percepisca la tensione che scaturisce dalla ricezione di una recensione negativa… un piccolo consiglio sfogate la frustrazione provocata dalla recensione: aprite un programma di scrittura e sfogatevi scrivendo le prime cose che vi passano per la testa con il tono che vi ha suscitato, qui sono bene accette anche imprecazioni e parolacce… poi partendo da quel messaggio, cancellate tutto ciò che potrebbe causarvi una denuncia e trasportate tutto in quello che è il tono usuale sulla vostra azienda, concludete sempre la recensione con una call to action, cioè un invito a mettersi in contatto con voi per risolvere il problema
  5. Smascherate troll, competitor e profili fake… spesso le recensioni sono scritte da gente che lo fa solo per infastidire o che ci guadagna qualcosa nel rovinare la vostra immagine, quando ve ne accorgete smascherateli! Grazie a Facebook e Linkedin è facile scoprire con chi abbiamo a che fare

In fase iniziale è sempre consigliabile farsi aiutare da professionisti e community manager che sappiano gestire in maniera efficiente e professionale la comunicazione digitale con i vostri utenti. A tal proposito per un preventivo non esitate a contattarmi!!!

 


  • 0

Le opportunità che la rete offre alle PMI

Category : Blog

Qualsiasi imprenditore pragmatico sa che il crescente utilizzo della rete e la diffusione delle piattaforme informatiche riscontrato negli ultimi anni in Italia forniscono un’importante occasione per le piccole imprese. Il web rappresenta un modo economico e veloce per farsi conoscere.

Le PMI italiane non possono più ignorare questo importante strumento di comunicazione con il consumatore.

Coloro che fanno piccola o media impresa (soprattutto la “vecchia guardia”) stanno finalmente cominciando a convincersene: Internet è un mezzo promozionale formidabile. Ma non basta essere presenti sul web, bisogna anche ottenere la giusta visibilità per potersi far conoscere.

Perché costruire un sito non è più solo un’opzione per le PMI?

Avere un sito web permette di ottenere una vetrina sul mondo, di far conoscere la propria azienda e di permettere al cliente di conoscere il nostro business.
Attualmente secondo una ricerca di Doxa realizzata per Groupon solo quattro PMI su dieci possiedono un sito web. Questo perchè creare un sito dovrebbe innanzitutto portare ad un aumento della clientela, un miglioramento dell’immagine e conseguentemente l’aumento di fatturato, ma come spiegato nella ricerca, l’imprenditore italiano medio crede ancora che il miglior modo per rafforzare l’immagine aziendale sia entrare in contatto diretto col cliente. Al secondo posto tra le motivazioni più diffuse che spingono una PMI a non digitalizzarsi vi è sicuramente l’incapacità nell’utilizzare gli strumenti informatici.

A partire dal 2013 però si è visto un incremento del coinvolgimenti di queste imprese nelle campagna di digital marketing, che fa ben sperare per il futuro.

Quali caratteristiche dovrebbe avere un sito web efficace?

Sicuramente il sito deve essere funzionale e accessibile, con contenuti di facile fruibilità da parte dell’utente/potenziale cliente, ma soprattutto deve essere visibile. Altrimenti sarebbe come avere un bel negozio in centro perennemente con la serranda chiusa.

E’ quindi soprattutto un lavoro di SEO (Search Engine Optimization) che permette di posizionare efficacemente un sito web sulle pagine di ricerca. Quello che preoccupa principalmente un imprenditore che investe in un sito web aziendale è “se cerco la frase pavimenti in pvc Parma su Google viene fuori il mio sito?”. Sicuramente è una preoccupazione legittima per chi investe in un sito molto performante e di buona qualità senza vedere risultati a livello di visibilità presso il consumatore.

Un sito che deve rappresentare un’azienda va pubblicizzato e canalizzato adeguatamente. E i canali in questione sono (in prima battuta): motori di ricerca e social networks. In uno step successivo, le aziende di servizi possono scegliere di realizzare un’applicazione per mobile.

Altrettanto importante è l’hosting ovvero la “casa” del vostro sito. Bisogna sempre affidarsi ad un buon provider, per avere un server veloce e affidabile e la sicurezza di essere sempre on line, quindi facilmente rintracciabili sul web.

Occorre fare i conti con la realtà!

Le persone comprano sempre meno giornali, non solo perchè costituiscono un costo, ma soprattutto perchè l’accesso all’informazione è più immediato e veloce se ci si collega attraverso uno smartphone o un pc alla rete. Di fatto basta digitare su Google la parola-chiave corretta per ottenere milioni di risultati.
Un sito web ben costruito e pubblicizzato permette di essere tra i primi risulati di quella ricerca e farsi conoscere facilmente dal cliente. Occorre ricordarsi però che per l’adeguato posizionamento del sito sul web è fondamentale occuparsi in prima persona degli aggiornamenti. Insomma, è necessario consacrare una parte del proprio tempo al sito che si è creato.

Richiedi un preventivo per una campagna di digital marketing o per un’ottimizzazione SEO


  • 0

DedeCouture.com

E-commerce di nicchia per la vendita di abbigliamento vintage.

“Read More”

  • 0

Creare contenuti ironici e virali per la tua pagina Facebook

Category : Blog

Molto spesso quando ci troviamo a dover creare un post per una pagina ci chiediamo quale sia l’approccio da usare. La tecnica che preferisco è quella di creare post speso forti magari ornati da una vena di cinismo e sarcasmo che tanto piacciono sui social. Ma come possiamo creare contenuti ironici e virali per la tua pagina Facebook?

“Read More”

Acquista il mio ebook

Contattaci su Facebook